martedì 9 novembre 2010

PAN(ini) di Zucca e Semi di Papavero


Il bello di non andare più al lavoro è che ho un sacco di tempo libero e soprattutto la mattina posso andare al mercato a comprare frutta e verdura fresca direttamente dai contadini, così  la scorsa settimana ho comperato questa zucca di 5 kg, in genere  gli anni precedenti compravo quella americana al mercato dell'Aquila il sabato mattina (dove io e mio marito passavamo il weekend nella casa dei suoi genitori ) ma ahimè ora non è più possibile, speriamo di poterci ritornare presto! insomma dicevamo... si la zucca.... quest'anno ho optato per questa dalla forma più allungata. Poco importa la forma, avevo in mente di fare un pò di cosette con la zucca per il pranzo di domenica scorsa primo fra tutti questi panini richiesti da mia suocera e amati da mio marito (e non solo da lui). Ormai sono un paio di anni che li faccio da quando li ho visti da lei, e sono entrati a far parte delle ricette di casa mia sotto il periodo natalizio e magari se avanzavano li congelavo ma non ne sono avanzati questa volta
Per non fare torto a nessuno visto che l'uva passa non piace a tutti ho diviso le dosi a metà nel senso che una metà li ho fatti (quasi esclusivamente per mio marito a cui piacciono così) con l'uvetta e l'altra versione con i semi di papavero . Naturalmente ho modificato la ricetta originale a mio piacimento togliendo qualche ingrediente e aggiungendone altri



PANINI DI ZUCCA E SEMI DI PAPAVERO

Ingredienti (per circa 40 panini):

650 g di farina manitoba

400 g di purea di zucca
10 g di lievito di birra disidratato (circa 1 bustina e mezza)
60 g di burro fuso
150 ml di latte tiepido
100 g di zucchero
1 pizzico di sale
uvetta a piacere
semi di papavero q.b.

Per ottenere la purea di zucca: pulire la zucca, tagliarla a cubetti e cuocerla in forno con poca acqua o al vapore oppure inuna casseruola con pochissima acqua, fino a quando la polpa non risulta cotta (basta provare ad infilare una forchetta nella zucca). Una volta cotta è sufficiente passare la polpa nel passaverdura e comunque lasciarla scolare in un colino per eliminare tutta l'acqua .


Mescolare il lievito e la farina e metterli da parte. Versare in un recipiente tutti gli ingredienti umidi, il sale, lo zucchero e mescolare, aggiungere la farina contenente il lievito secco e  iniziare ad impastare, se l'impasto dovesse risultare appiccicoso (non tutte le zucche sono uguali) aggiungere un po' di farina fino a raggiungere la consistenza dell’impasto per la pizza. Impastare per una decina di minuti, a questo punto io ho diviso l'impasto in due (per il discorso che vi ho spiegato sopra) in una parte ho aggiunto l’uvetta ammollata in acqua e l'altra l'ho lasciata così,  impastare ancora fino a quando l’impasto non si staccherà dalle pareti del recipiente; formare una palla (o due), coprire con un canovaccio e lasciare lievitare in un luogo tiepido fino al raddoppio dell’impasto (da 1 a 2 ore circa).


Versare l'impasto sulla spianatoia e sgonfiarlo leggermente senza lavorarlo troppo, ricavare dall’impasto 40 palline e rotolarle (solo la parte sopra) in un piattino con i semi di papavero e disporle in una teglia dai bordi alti (rivestita con carta forno) lasciando circa ½ cm di spazio tra l’una e l’altra perchè si gonfieranno e altrimenti si appiccicano. Coprire e lasciar lievitare ancora  finchè le briochine non saranno raddoppiate e tutte unite (1 oretta circa).

A questo punto potete infornare i vostri panini a 180°per 20' circa; sono bellissimi e si usano sia con il salato che con il dolce potete conservarli per più di un giorno ben chiuse in sacchetti di nylon oppure congelarli.

Insomma anche quest'anno questi panini sono stati un successo ..

vi aspetto domani e ....buona giornata a tutti!!

e con questa ricetta partecipo all'ultimo mese del calendario 2010 di Ornella

10 commenti:

  1. Che buoni, ho proprio in casa una zucca ed anche i semi di pavero. mi hai suggerito un'ottima idea, grazie! ti sono usciti davvero bene, ciao

    RispondiElimina
  2. Ricette completamente nuova per me, vedo questo pane alla zucca nei blog ognuno con una bellissima ricetta come questa, dovrò assaggiarlo prima o poi, ciao

    RispondiElimina
  3. mmmmmmm sembra di sentirne il profumino sai claudia,devono essere davvero sofficiosi e gustosi da provare insomma!!!!baci imma

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia, chissà che buoni!!

    RispondiElimina
  5. Come! Cosa! Che vuol dire che non lavori più?? Che mi sono persa?!
    Eh... con cotanta fonte di ispirazione quale la Tuki... non potevano che venirti dei pupe panini. Bello il tocco puntinato dei semini di papavero!

    RispondiElimina
  6. @Zucchero e Farina: allora sei pronta per provarli credimi poi li farai ogni anno!Grazie a te!
    @Stefania: e si ti tocca provare prima o poi alla fine della settimana penso che andrai a comprare una zucca!!scommettiamo?:-)
    @Imma: mentre cuociono dal mio forno si spandeva un buon profumino di pane in tutta casa. assolutamente da fare.baci
    @Zia Elle: si danno proprio soddisfazione e la doppia lievitazione è molto divertente.
    @(parentesiculinaria): è un pò che non mi leggi allora! e si avevo annunciato che lasciavo il lavoro per il momento mi hanno chiesto di continuare 1 volta a settimana ma anno nuovo vita nuova! troppo stress per qualcosa che non vale la pena ....eh si le ricette di Tuki sono una garanzia io ci ho messo del mio con i semini di papavero.un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Hi, nice food blog & good collection. overall You have beautifully maintained it, you must submit your site for free in this website which really helps to increase your traffic. hope u have a wonderful day & awaiting for more new post. Keep Blogging!

    RispondiElimina
  8. @Thanks Lydia, you are very nice. Thank you for this information.Stay tuned.

    RispondiElimina
  9. Che belli questi panini! Piacere di conoscerti!
    Ciao, Mila

    RispondiElimina
  10. Ciao, non ti conoscevo e ho fatto un giro tra le tue mille ricette!! ma quante ne hai!! A presto!

    RispondiElimina

Lascia un semino di cardamomo per segnalare il tuo passaggio